PROGETTOPABLO 2017-11-07T09:54:53+00:00
HANNO AMMAZZATO PABLO, PABLO È VIVO!

Il progetto è nato dalla collaborazione di Associazione Culturale Manifattura Urbana e Ma-ps, per concorrere al bando Aviva Community Fund al fine di favorire la partecipazione dei cittadini e rafforzare il senso di appartenenza al territorio.

Hanno ammazzato Pablo. PABLO È VIVO!

Il progetto “Hanno ammazzato Pablo. Pablo è vivo!” nasce e sviluppa grazie alla collaborazione tra Manifattura Urbana e MAPS, spinta dal comune principio che per generare il cambiamento sia necessario costruirlo insieme alle persone che ne sono protagoniste.

Il progetto si rivolge ad una particolare area urbana della città di Parma, il quartiere Pablo, con l’obiettivo di favorire la ricostruzione di un senso condiviso di identità del quartiere e di appartenenza legata sia alla memoria collettiva che alle pratiche attuali e all’uso dello spazio pubblico.

Il quartiere Pablo

Dopo la Guerra, era la periferia industriale e popolare la cui ricchezza stava soprattutto nel forte senso di comunità e nelle relazioni di vicinato. Oggi è una porzione di città, residenziale e abbracciata al centro storico, che sembra, però, essersi svuotata di un’identità e di motivi per essere vissuta. Negli ultimi decenni è stato luogo di alcune dinamiche di abbandono e degrado che ne stanno minando il tessuto sociale ed urbano, generando, spesso, negli abitanti un senso di insicurezza e disinteresse, il tutto all’interno di una cornice di cambiamenti sociali quali l’aumento del tasso di immigrazione, che ha interessato alcune aree della città più di altre, tra cui il Pablo.

Il progetto

Identità e appartenenza sono il cuore attorno a cui nasce e si sviluppa il progetto, con l’obiettivo di ricostruire la memoria collettiva, facilitare lo sviluppo delle reti sociali e del senso di comunità, sostenere dinamiche collaborative e scambio interculturale nel quartiere, promuovere la riappropriazione degli spazi pubblici da parte dei cittadini e di generare una rinnovata immagine del quartiere nella quale poter percepire una miglior qualità di vita.

Questo primo passo, possibile grazie al finanziamento di Fondazione Cariparma, ci consentirà di comprendere il quartiere ed i suoi abitanti, oggi: chi lo vive e come, come lo percepisce, quali sono i luoghi identitari, gli spazi attrezzati, accessibili, e come vengono, o non vengono, usati; l’analisi metterà in luce anche i punti di forza, sui quali potremo costruire, insieme agli abitanti, un processo di cambiamento sostenibile e generativo.

Progettazione aperta e collaborativa, condivisione di senso e negoziazione degli obiettivi sono i colori sotto i quali è nato il progetto e tramite i quali vogliamo farlo crescere.

Fasi da settembre 2017 a giugno 2018

Esplorazione e analisi

incontri sul territorio e tavoli di lavoro con associazioni attive sul territorio, focus group e interviste con abitanti del quartiere, per la raccolta di materiale narrativo e fotografico sia sulla memoria che sul presente.

Analisi del materiale raccolto per la definizione di possibili temi chiave, da cui co-progettare strategie di cambiamento.

Raccolta di materiale d’archivio per la ricostruzione della genesi del quartiere e delle trasformazioni urbane.

Laboratorio delle idee

Laboratori di progettazione collaborativa, pensati insieme al personale docente della locale scuola primaria Racagni, per costruire insieme ai ragazzi possibili scenari di cambiamento nella partecipazione alla vita di quartiere e nell’uso degli spazi pubblici, partendo da un percorso di esplorazione della storia, dell’attualità del quartiere e dei suoi luoghi identitari.

Community Hub

A partire dal lavoro svolto con la scuola e dal lavoro di analisi, costruiremo insieme a ragazzi e cittadini un’installazione temporanea inserita nello spazio pubblico (in autocostruzione e con materiali di recupero) che possa diventare un luogo di ritrovo e ri-scoperta del quartiere le cui funzioni verranno man mano definite e negoziate da chi vorrà farne uso.


Per ogni ulteriore informazione o per collaborare al progetto, contattateci via mail [email protected]

http://www.ma-ps.org/

http://manifatturaurbana.org/


PABLO E’ VIVO!

Progetto organizzato da

Con la collaborazione di